Il Progetto

  • Il Progetto
  • La Vision
  • La Prevenzione
  • L'innovazione

TMP2 parte dalla modellazione dei concetti clinico-assistenziali e della conoscenza medica, per focalizzarsi sulla creazione di servizi base di supporto all’interoperabilità semantica ed all’analisi avanzata delle informazioni mediante tecniche di data analytics. Tali servizi saranno utilizzati per creare servizi applicativi a supporto dell’appropriatezza, di sistemi di supporto alla decisione clinica e di una accurata gestione delle notifiche. Servizi applicativi che nel progetto saranno utilizzati infine per andare ad evolvere gli attuali moduli applicativi legati alla gestione della terapia, dell’Order Entry, alla gestione della genetica e biologia molecolare.

Il progetto si pone l’obiettivo di definire strumenti per la modellazione di concetti clinico-assistenziali e della conoscenza medica e realizzare nuovi servizi di supporto all’interoperabilità semantica che consentono di ottimizzare l’appropriatezza e l’efficacia dei sistemi di supporto alla decisione clinica.

TMP2 interviene in diverse fasi del processo clinico-assistenziale, incidendo nelle procedure della:

  • medicina di precisione o personalizzata
  • medicina di prevenzione
  • trasformazione demografica ed epidemiologica
  • medicina di prossimità o territoriale
  • continuità di cura

La realizzazione di prodotti realmente innovativi in ambito sanitario, una necessità per le imprese del settore, rappresenta un problema con un elevato grado di complessità. I fattori che occorre analizzare sono molteplici ed eterogenei. Innanzitutto, è importante vedere il trend di evoluzione del sistema sanitario.

Si ritiene necessario intervenire sempre più in fase di prevenzione, con la definizione di indici di rischio fondati non solo su marker biologici ma anche su dati epidemiologici, quest’ultimi relativi sia agli stili di vita che alle condizioni sociali e ambientali.

Innovazione nel modello sanitario

La radicale modifica dell’ambito sanitario soggetto ad una transizione demografica ed epidemiologica, con una richiesta di interventi socio-assistenziali, motivata dalla alta prevalenza di patologie cronico-degenerative e dall’innalzamento dell’età media della popolazione impone di effettuare una transizione del sistema sanitario da un modello fondamentalmente ospedaliero ad un modello “territoriale” (medicina di prossimità e domiciliare) in quanto l’attuale modello organizzativo, ospedale-centrico, non è più adeguato rispetto ai nuovi bisogni. Il problema della cronicità delle patologie e, quindi, della fragilità delle persone, deve essere affrontato nelle strutture territoriali dell’assistenza primaria, ovvero, nelle strutture più prossime alle persone, attraverso l’attivazione di processi riferibili alla medicina di prossimità, idoneo a garantire i livelli essenziali di assistenza e gli interventi di prevenzione. La concreta applicazione del principio di “continuità della cura” per riequilibrare la crescente e negativa de-personalizzazione del rapporto fra curante e curato, implica trasformazioni fondamentali nella medicina, fondate innanzitutto sulla socializzazione della salute e sulla sua progressiva tecnologizzazione.

L’obiettivo del progetto è quello di andare a costruire dei servizi applicativi specializzati e funzionali a far evolvere realmente i moduli applicativi dei sistemi informativi clinico sanitari verso strumenti di effettivo supporto al concetto di Transition of Care.

Innovazione tecnologica

Il progetto prevede la realizzazione di soluzione tecnologicamente e funzionalmente all’avanguardia per il clinico: unendo le fasi di prescrizione-indagine, fornendo una visione di insieme ed uno strumento di valutazione dell’appropriatezza. Ci si propone di modellare in un DB clinico tutte le esigenze applicative in ambito sanitario, facilitando quindi l’interoperabilità funzionale. La riprogettazione della soluzione con componenti infrastrutturali comuni rappresenta di per sé una innovazione architetturale nel mercato in quanto consente di soddisfare le nuove richieste dei clienti, ma soprattutto abilita funzionalità avanzate per servizi di supporto all’ Appropriatezza Prescrittiva e dell’interoperabilità semantica. I principi su cui si fonda TMP2 sono:

  • La definizione di una base informativa omogenea, capace di gestire i vari concetti clinici, che preveda la gestione di terminologie e di cataloghi, e una semantica comune a diverse entità.
  • L’adozione di un modello comune, di interfacce comunicative standard e la presenza di un meccanismo per la definizione semantica per favorire l’interoperabilità

Pertanto i servizi applicativi su cui il progetto intende lavorare sono:

  • interoperabilità semantica
  • appropriatezza prescrittiva
  • business analytics
  • presidio ospedaliero diffuso
  • continuità di cura
  • prevenzione